Lettori fissi

giovedì 30 luglio 2015

Ne vale la pena.

 Questa è stata una delle mie vittorie più grandi se non la più grande in assoluto da quando ho deciso che non voglio la malattia nella mia vita. Per quanto faccia paura è indispensabile, perché se mi tiro indietro dalla paura allora non arriverò mai alla meta e non scoprirò mai se ne sarà valsa la pena. Tutta la sofferenza, il dolore, sono necessari ma saremo ripagate di tutto ne sono convinta.

Oggi ho mangiato un gelato, quello che mi faceva paura, che fino ad un secondo prima avevo pensato di non mangiare, rimandavo e rimandavo, e sapevo che sarebbero finiti e io non lo avrei mangiato. 
Nella mia testa c'era un susseguirsi delle possibili opzioni, ma non riuscivo a scegliere... Alla fine mi sono detta che mi andava il gelato, che me lo meritavo nonostante le voci mi continuassero a rimproverare, e soprattutto mi sono convinta che non mi avrebbe fatta ingrassare dieci chili di colpo, mi sono diretta verso il freezer e ho scelto quello che volevo: il cono cinque stelle. 
È stata dura, ancora adesso ho i sensi di colpa, ma li sto ignorando perché ho mille altri motivi per cui essere felice, perché l'ho fatto per me, ma l'ho fatto anche per la persona a cui tengo di più, lei lo sa e sa che l'ho fatto grazie a lei. 
Devo essere fiera di me perché sto vincendo le mie paure, e mi sento sostenuta, soprattutto dopo quello che è successo ieri al centro, cerco di non dilungarmi troppo ma voglio raccontarvi tutto, perché ieri è stata una delle giornate, la prima in cui ho sentito che è un aiuto veramente. 

Ho parlato con la dietista, sto prendendo sempre più confidenza con lei, mi fido ed è molto gentile, si vede che ci tiene che tutte noi stiamo bene, mi ha anche detto che aveva notato che dopo un po' che andiamo li siamo più luminose.
Sono riuscita per la prima volta a buttare fuori tutto ciò che volevo dire, tutto il mio dolore. 
Dovete sapere che da quando vivo questa situazione ho vari problemi; che mi portano ad essere sempre stanca, continui capogiri, vitamina D al limite, quando inesistente, problemi soprattutto all'intestino, che mi condizionano veramente tantissimo. Ho fatto le analisi e adesso aspetto il responso, voglio capire da cosa deriva e soprattutto se la causa è un'intolleranza alimentare oltre che la restrizione che ha fatto il suo ruolo. 

Non ne ho mai parlato qui, ma questa cosa mi condiziona tantissimo ed è molto molto comune nei DCA. Il mio intestino non funziona più, e per questo io mi sento sempre gonfia, quando non vado in bagno mi vedo davvero subito grassa. Lo psichiatra mi ha spiegato che è comunissimo, che a molte ragazze succede e fanno anche un uso smodato di lassativi per questo! 

Mi sono sfogata, ho parlato con dietista e psichiatra insieme, ho espresso la mia volontà di capire perché stessi così male, questa cosa mi condiziona troppo con il cibo. Mi hanno tutti e due rassicurata moltissimo, per una volta non mi sono sentita sottovalutata, come ha fatto il medico di base sottovalutando tantissimo la situazione. Ora vedremo di che si tratta, ma soprattutto mi hanno rassicurata anche su un'altra cosa, quella che io chiamo "pelle flaccida". Io la confondo con il grasso, perciò questo mi porta a restringere, invece mi hanno spiegato che è pelle VUOTA, vuota e denutrita, lo sapevo anch'io, ma forse non ho mai voluto vederlo, lo confondevo con il grasso, e lo psichiatra mi ha spiegato che anche un'altra ragazza aveva questo stesso ragionamento, ma ora che ha preso peso si vede addirittura più magra, perché la pelle si è riempita, ed è così che devo fare io, devo prendere quel peso che mi serve che mi piaccia o no. 

Abbiamo parlato molto, ma se vi dicessi tutto non finirei più, le cose più importanti sono state queste! 
Sto continuando col diario alimentare, la dietista mi ha detto che devo aumentare il pane e fare anche merende più sostanziose, perché nonostante tutte le mie paure, tutti i sensi di colpa, ho addirittura perso peso rispetto alla scorsa volta, vi giuro che non potevo crederci. 
Ho perso anche mezzo centimetro nelle mie odiate cosce, che io vedevo il doppio ma che non sono mai cambiare da quando sono lì nonostante le fluttuazioni di peso. 
Questo mi ha dato davvero forza, perché ancora non mi abituo all'idea, ma il mio obiettivo è prendere peso, sto perdendo ancora muscoli...
Non riesco ancora a realizzare di dover aumentare, ma adesso vedo tutto in modo completamente diverso, e spero che non cambi, spero che non sia una fase perché non mi sono mai impegnata così! 
So che se continuo, continuo sempre ne varrà la pena. 
Il mio metabolismo si sta risvegliando, e spero davvero che stavolta non sia stata "fortuna" spero davvero che si stai riprendendo, io continuo perché è l'unica cosa da fare! 

Un'altra cosa che volevo dirvi è che poi hanno voluto conoscere mio padre, gli hanno aperto un po' gli occhi ma non so quanto abbia aiuto, lui pensa sia una cosa fisica e non ha idea di cosa sia un DCA, ma spero lo abbia capito meglio... Devo anche fare una cosa insieme a lui, qualsiasi cosa anche banale ma ho questo compito, non so se ci riuscirò, ci proverò, anche se non mi sento capita. 

Domani ho anche una cena, a casa mia... Organizziamo tutto e verranno degli amici, tra cui una mia amica a cui sono legata ma che viene solo in estate, spero di non sentirmi troppo giudicata e in imbarazzo, perché sono a conoscenza del problema, ma io mangerò senza preoccupazioni, e la cosa incredibile è che oggi ho mangiato quel gelato, nonostante io mangi il pane e nonostante questa cena, se mi guardo indietro non so come sia possibile, so solo che il sostegno mi ha salvata, il sostegno dell'unica persona che mi può capire davvero, nel senso ontologico del termine. 

Vi lascio con questa foto, voglio ricordare questo momento. Vi mando un bacio, e vi ricordo che i momenti duri, durissimi ci sono, io stessa anche se non l'ho detto ho fatto dei pensieri malati, non immaginate quanto... Ho dovuto lottare ogni giorno contro la mai testa ma si deve continuare sempre, e trarre il meglio dai quei momenti. 

Ne varrà la pena. 






15 commenti:

  1. sei bellissima Kiki.
    davvero.

    sei stata bravissima col gelato...YUPPPPPPPPIEEEEE!!!
    immortala questa giornata come una delle più belle...delle più magiche..

    sono davvero contenta che con dietista e psichiatra tu ti trova così bene...
    ti prendono davvero in considerazione...vai tranquilla!!

    e non sottovalutare il compito con tuo padre..potrebbe aiutarvi entrambi proprio come relazione padre-figlia...
    spero che lui si impegni ma secondo me sì!

    ti sostengo e ti incoraggio..
    e premiati come oggi quando ne senti il bisogno...
    è il tuo corpicino che te lo chiede!

    ti bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre dolcissima, grazie di cuore! Lo sento che mi siete vicine e che partecipate con me ad ogni mia vittoria, è stato molto difficile mangiare il gelato, ma alla fine ce l'ho fatta senza pensarci troppo, altrimenti non lo avrei più mangiato!
      Sono contenta anch'io che mi ascoltino, a volte avevo dei dubbi, ma sono sicura che sono molto bravi...!
      Hai ragione per mio padre, dovrei rispettare il compito perché potrebbe essere utile a tutti e due, e magari lui capisce un po' meglio!
      Proverò a concedermi più spesso tutte le cose che mi fanno paura!
      Grazie mille davvero, sento che sei felice per me ❤️
      Ti mando anch'io un bacio, e ti ringrazio come sempre della tua presenza!!

      Elimina
  2. Brava. .buono il gelato....ogni tanto è anche lecito. .complimenti x i cm persi sulle cosce. .un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, è stato difficile mangiarlo... Avevo davvero paura, ma sicuramente non cambierà niente, e se mi farà ingrassare lo accetto, perché quello è il mio obiettivo, devo mettere su un po' di peso... Grazie di cuore per i complimenti!!!
      Un abbraccio! :*

      Elimina
  3. Grandissima! Yuppi per il gelato! :D

    Mi ha colpita la frase in cui parlavi di tuo padre, per caso avete un brutto rapporto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee ❤️ sono contenta anch'io di avercela fatta!!
      Per mio padre non abbiamo esattamente un brutto rapporto, più che altro non mi confido molto con lui su queste cose, perché proprio non capisce :(... E io allora mi sento a disagio, e non abbiamo mai passato tanto tempo insieme solo padre e figlia, lui devo dire che c'è sempre quando ho bisogno di qualcosa, ma su questo argomento proprio non riesce a capire, anzi faceva anche battute! Pensa sia una cosa proprio legata al fisico!!
      Comunque cercherò di fare qualcosa con lui, e cercherò di fargli capire un po' meglio, speriamo...
      Grazie mille cara, un abbraccio forte!!!

      Elimina
    2. Ho capito. Un abbraccio :)

      Elimina
  4. Che bella foto, conservala. È la foto di una vittoria che può sembrare sciocca ma che è una tappa fondamentale del tuo recupero. Lo scopo finale, il premio, è poter mangiare un gelato senza dover fronteggiare neppure un briciolo di senso di colpa, ma nell'attesa che questo avvenga (e sappiamo che potrebbero volerci mesi, forse anni) goditi anche la soddisfazione di averlo vinto, il senso di colpa.
    Sei forte, e lo sai. Lo sanno anche quelli che ti hanno in cura e che cercano di motivarti e di rassicurarti nel migliore dei modi. Capisco benissimo i problemi intestinali, anche io ne ho avuti dopo la malattia e ancora adesso mi succede che dopo una cena più abbondante mi gonfio come un palloncino (e quindi mi tocca vestirmi solo con cose ampie o comunque "tattiche" se so che mangerò tanto) ma sono cose che pian piano rientrano nella norma, devi solo avere pazienza e tanta fiducia. Sei sulla strada giusta, continua così!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo cara Euridice ❤️
      Quanto hai ragione... È esattamente così, per mangiare un gelato spensierata senza sensi di colpa forse ci vorranno mesi o anni; o addirittura dovremmo convivere tutta la vita con qualche ripensamento sul cibo.
      Ma la vera vittoria come dici tu è che intanto io lo abbia mangiato, anche con la paura, perché arriverà un giorno in cui ci penserò meno, magari ci penserò comunque ma meno!
      Spero proprio che questo momento duri, mi sento più serena e fiduciosa anche col centro, so che tengono alla salute delle pazienti, mi sto fidando molto di più!
      Quanto ti capisco... Anche io mi gonfio sempre come un palloncino ed è confrontante sapere che è molto comune, ma è la conseguenza di ciò che abbiamo inflitto al nostro corpo :( e dobbiamo sopportare di mettere i vestiti tattici alle cene, non sai quanto ti capisco, io mi sono vestita tutta di nero e non troppo attillata! Perché avevo paura che lievitasse tutto... Ma spero tanto che andrà tutto apposto mangiando bene, già adesso noto dei piccoli miglioramenti e addirittura non mi sento tanto gonfia!
      È rassicurante sapere di non essere l'unica...!
      Grazie di cuore, spero proprio che sia un percorso duraturo stavolta!!
      Un abbraccio forte :*

      Elimina
  5. Hai tutta la mia stima. Brava, brava, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore!! *_* detto da te poi!! ❤️ Mi fa davvero piacere risentirti! :) un abbraccio forte!

      Elimina
  6. Non posso aggiungere altro se non un " davvero". Ne vale DAVVERO la pena. Ne sei la dimostrazione vivente
    Sono felicissima di sentirti così :)
    Un enorme abbraccio ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro!!! ❤️ che bello risentirti, grazie di cuore davvero... Lo spero tanto, so che ne vale davvero la pena, adesso non mi sento così positiva come quando ho scritto il post, ma so che non posso assolutamente mollare! E tu non sai quanto apprezzo queste parole, davvero lo spero tanto...
      Ti abbraccio fortissimo e ricordati che quando vuoi parlare io ci sono!
      ❤️

      Elimina