Lettori fissi

sabato 7 febbraio 2015

Pensieri di un piovoso sabato pomeriggio

Ciao a tutte ragazze  , sono tornata dopo alcuni giorni che non scrivo, so che non sono molti ma già mi manca condividere le cose che mi succedono con voi e potervi parlare :) allora, da dove partiamo? Ho un po' di cose da dirvi ma cercherò di seguire un ordine.
A scuola tutto bene, ho recuperato le verifiche che avevo saltato e la tanto temuta interrogazione di chimica è andata molto meglio di come mi aspettavo! Ero andata senza speranze e non stavo neanche molto bene ( come sempre ahaha) ma ormai sono abituata... e invece ho preso 7+ per me è stato già tantissimo considerando che non avevo neanche studiato il giorno prima perché non ce la facevo! dal punto di vista fisico invece ci sono giorni in cui va meglio e giorni in cui va peggio... oggi per esempio mi è venuta la nausea mi girava la testa e sentivo una strana sensazione che  a volte mi capita anche quando in altri momenti della giornata, è come se non mi sentissi "parte del mondo",le facce che vedo mi sembrano estranee quasi delle illusioni e mi sento stanca anche semplicemente di vivere non so spiegarmi bene ma è molto strana come sensazione! Per esempio mi è capitato oggi e il tempo piovoso e cupo non aiutava, oppure quando durante ginnastica mentre facevamo i passaggi di pallavolo vedevo quella palla passare e quelle persone prenderla e mi sembrava che mi scorresse tutto davanti senza che me ne rendessi conto oppure anche vedere semplicemente le persone parlare mi metteva in paranoia. Sono pazza lo so ma voi non mi giudicate .vero?! A volte ho strani pensieri sulla vita e sento che mi mancano le forze anche solo per stare ferma tutto il tempo e lasciare che la vita mi passi davanti, che siano anche le gocce che prendo per gli attacchi di panico che peggiorano la situazione? Dovrò sicuramente chiedere al medico quando ci andrò!
A parte il noiosissimo argomento scuola e i miei strani pensieri volevo dirvi che non mi sto pesando da quando ho avuto la visita con la nutrizionista, stavo pensando di farlo domani per vedere se quel peso era fittizio o meno visto che è passata una settimana! Dovrei resistere di più ma sono troppo curiosa e per me che ero abituata minimo un giorno si e uno no è già una conquista! Ammetto che ho avuto giorni in cui ho mangiato di più e altri meno, ma ho avuto delle piccole vittorie: ieri ho mangiato un dolce alla crema ( adoro la crema è il mio cibo preferito fin da quando ero piccola :) e me lo sono proprio gustato anche se ovviamente c'era il pensiero "sei una debole, ne potevi fare a meno" ma l'ho messo subito a tacere perché ne avevo bisogno, ero molto debole e avevo bisogno di zuccheri, non significa che diventerò obesa per questo! E soprattutto ho capito che sono debole quando assecondo la malattia mi sento impotente quando mi capita, è possibile che io non possa ribellarmi a me stessa? E' davvero paradossale questa malattia, non smetterò mai di ripeterlo! Poi oggi sono riuscita a uscire dagli schemi degli orari perché mi stavo sentendo male a scuola e allora ho mangiato la merenda prima che suonasse la ricreazione, sembra una cavolata ma è stata una conquista :) certo, ho avuto anche momenti di debolezza in cui la malattia voleva letteralmente controllarmi ( ah, che strano proprio il controllo che io pensavo di avere ma ovviamente non è così) e non ho mangiato quella fetta di pane o quella caramella e il fatto che la nutrizionista ancora non mi mandi nulla fa si che l'attesa mi crei ancora più dubbi e ansia, ma devo resistere se voglio vivere, no? Sarà dura, incontrerò ostacoli e ripensamenti, mi ferirò ma da queste profonde ferite usciranno farfalle libere... è una frase che mi piace tantissimo e la terrò a mente, infatti ce l'ho anche come stato di whatsapp! Ora vi saluto, oggi mi riposerò e stasera non uscirò perché sono troppo stanca e voglio riprendermi un po', devo saper fare anche questo! Vi mando un bacione e vi auguro uno splendido sabato ragazze mie! Scusate per questo post un po' confuso come sempre ma riflette il mio stato d'animo! A prestissimo <3
-Kiki

18 commenti:

  1. Ciao Kiki, mi sembra nel complesso che tu ti stia facendo onore nella battaglia contro il subdolo disturbo alimentare... ovviamente ogni singolo progresso è prezioso, ma non concentrarti troppo sui momenti di debolezza... l'importante è che tu abbia sempre ben chiara la scelta che hai compiuto, il sì che hai detto alla vita e che ribadisci ogni giorno con il tuo impegno... ciò che oggi non ti riesce ti riuscirà senz'altro domani, se resti fedele alla promessa che hai fatto a te stessa.

    P. S. Sei stata bravissima nel recuperare gli impegni scolastici persi... per quanto riguarda le "crisi di assenza" - non so come chiamarle altrimenti - posso dire di averne sperimentate, salturariamente, dagli 8-9 anni fino all'adolescenza... tuttora mi capita, anche se veramente molto di rado.
    Non so se siano legate al disturbo (nel mio caso non credo, visto che mi sono ammalata a 19-20 anni), o al farmaco per gli attacchi di panico... probabilmente Veggie o Gly sapranno essere molto più precise... non credo sia nulla di preoccupante comunque ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Christiane :* mi fa piacere tu abbia notato che sto lottando anche se ci sono momenti in cui mi sembra di non avere le forze per farlo...e hai ragione, hai detto una sacrosanta verità, la cosa più importante è la promessa che ho fatto a me stessa e non devo infrangerla! Ti ringrazio tantissimo anche per i complimenti per la scuola, sento un peso in meno :) e mi fa sentire capita e meno sola il fatto che anche tu hai provato le crisi d'assenza, penso che sia proprio il termine giusto perché è come mi sento... sono contenta che ora ti capiti sempre meno spesso, è una sensazione sgradevole! E grazie per la rassicurazione, probabilmente avranno influito un po' entrambe le cose, indagherò! ;) Ti stringo :***

      Elimina
  2. Ciao :)
    Sono davvero contenta che sia riuscita a recuperare tutto quanto e concordo nel dire che sei davvero una grande, hai deciso di combattere e lo stai facendo giorno dopo giorno :D ti stimo davvero tanto per questo.
    Sai bene quanto può essere difficile tenere fede a un impegno e avere un dca che rema contro
    Anche io a volte provo quella sensazione sarà un calo di zuccheri( alla fine gira anche la testa)?
    Buon sabato a te :*
    Riposati, te lo meriti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, ciao <3 eccoti! Sei troppo dolce :) sentirti dire che sono una grande è davvero un onore per me, soprattutto perché so che la persona che me lo dice lo è altrettanto! Sì, è davvero difficilissimo infatti a volte mi scoraggio per questo... :( ma è così purtroppo come sono entrata devo uscirne anche se non sarà facile come esserci entrata! E credo proprio che tu abbia ragione, anche mia madre me l'ha detto, infatti mi porta sempre mille caramelle zuccherose per quando mi sento male ahah ma non sempre riesco a avere la forza di mangiarle perché mi mette in crisi il fatto che già ho mangiato la merenda e non voglio aggiungere altro... si, purtroppo gira anche la testa :( ed è orribile, ma fai una prova quando ti capita mangia una caramella vedrai che ti sentirai subito meglio, non so se è un effetto placebo o no ma a me funziona! Grazie mille per essermi sempre vicina e riposati anche tu mi raccomando, voglio che tu stia in perfetta forma, visto che non stai molto bene ora :( <3 smack :*

      Elimina
  3. ciao bellissima!!!
    per quei fenomeni che hai.....li conosco.li ho provati.
    ti senti come spersonalizzata,estraniata....come se un muro,una bolla ti separassero dagli altri ma soprattutto da te stessa...e agisci in terza persona....come fossi una marionetta....
    dico bene?
    io ti ho detto come la vivo io....
    ma di questi fenomeni puoi leggere in 'diario di una schizofrenica'che è un libro bellissimo....te lo consiglio...

    un brava perchè ti stai districando tra scuola e problemi col cibo...
    e non è facile....


    un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!!! :* esatto, hai capito benissimo come mi sento, mi sento separata dagli altri e alienata dal mondo circostante ed è come se agissi in terza persona... grazie mille per il consiglio sul libro già dal titolo mi sembra interessantissimo e appena posso lo cerco! Mi fa sentire meno sola il fatto che anche tu sai cosa significa provare questi momenti come ho detto anche a Christiane...
      E ti ringrazio tantissimo anche per i complimenti sulla scuola, spero di continuare così e di non lasciarmi troppo andare, perché spesso mi scoraggio,vorrei mollare tutto e stare a casa a riposarmi!
      Ti stringo fortissimo, grazie di tutto <3 :*

      Elimina
  4. Conosco anche io quella sensazione di estraneamento, ci ho passato buona parte dello scorso anno: le cose mi passavano davanti, me stessa compresa come se non appartenessi al mio corpo, e mi rimanevano pochi ricordi. Infatti per me quel periodo è un buco nero, e non per quanto riguarda lo studio (quelle cose me le ricordo bene), ma i piccoli dettagli di vita come il compagno di banco, che non ricordo chi fosse, o come ho festeggiato il natale e cose così. Dopo un po' passa. Forse è un offuscamento dovuto ad un cambio di priorità, pensi sempre al cibo e pensi di vedere e sentire quelli che ti accade in torno, ma non è così e te ne accorgi tardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lily! :) innanzitutto grazie per essere passata, mi fa molto piacere! Per quanto riguarda quella sensazione mi sto accorgendo che molte persone la provano dai commenti che ricevo... Mi dispiace molto che abbia occupato un periodo di tempo abbastanza lungo della tua vita, so quant'è brutto viverlo anche solo per poco tempo... Comunque hai descritto molto bene la situazione e hai centrato il punto, anche io sento di avere un offuscamento ma mi ricordo abbastanza bene dei particolari anche se alcune cose mi sfuggono a volte. Quando dici del cambio di priorità hai perfettamente ragione, ora che mi ci fai pensare è esattamente cosi, pensi di vedere e sentire ciò che ti circonda ma in realtà sei rinchiusa in una bolla di pensieri ossessivi suo cibo che non lasciano spazio al resto... Ti ringrazio tantissimo per il tuo commento mi ha fatto molto riflettere, spero che ora tu stia meglio e che questi momenti ti capitino sempre più di rado, un bacio! :*

      Elimina
  5. Riesco a comprendere quando parli di estraniamento.. mi è capitato molte volte e mi capita ancora ora... è come se stessi guardando una sorta di film, come al cinema... dura qualche minuto poi passa e poi ritorna... è del tutto normale, capita a molte di noi che durante la giornata ci "assentiamo" momentaneamente... in ogni caso tu cerca di stare tranquilla il più possibile, di dare il massimo negli studi e di dedicarti quanto più puoi alle aspirazioni personali che hai.. fregandotene dei giudizi negativi delle persone e degli occhi indiscreti!
    Da oggi ti seguo anche io... Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Audrey! :) mi fa davvero tanto tanto piacere che mi segui, per me ogni singola persona e ogni singolo commento è importante e mi aiuta tantissimo, quindi GRAZIE! Detto questo, hai proprio ragione è come se stessi guardando un film ed è davvero strana come sensazione, ma il fatto che coso tante persone la provano mi rassicura, anche se mi dispiace da una parte perché in quei momenti ci sentiamo davvero disorientate... E mi hai detto davvero una cosa bellissima e importante, e cioè quella di fregarsene degli altri, penso sia una cosa alla base per vivere più serenamente! È molto difficile farlo ma ci sto provando :) ti ringrazio molto per avermelo ricordato, ti seguo anch'io da oggi e ti mando un bacione! :*

      Elimina
  6. Kiki noto con piacere che hai compreso fortemente ciò che la malattia ti crea, che ti stai assolutamente impegnando a staccarti da lei... Le tue parole sono una importantissima conferma. Bravaaaa! Brava pure per la scuola. Forza! ;)
    Riguardo ai tuoi momenti di estraniamento non so aiutarti, non mi è mai capitato ma immagino sia una sensazione strana che crea confusione. Mi capita di estraniarmi dal mondo per mia volontà, ma sono sempre "cosciente" di appartere a questo ambiente, a questa famiglia, a questo luoghi...

    Le farfalle usciranno prima o poi e saranno meravigliose... Invitami a vederle poi ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero dolcissima <3 sì, devo dire che ho compreso ciò che comporta la malattia, ho imparato a vedere la vera faccia ma a volte mi fa ancora credere che sarà più clemente con me, quando in realtà non da scampo a nessuna di noi se non ci opponiamo... Nonostante tutto mi fa tantissimo piacere che noti che mi sto impegnando e le tue parole mi spronano a non mollare, non voglio deludere me stessa ma non voglio deludere neanche voi che mi sostenete ogni giorno! Ti ringrazio tanto anche per i complimenti sulla scuola :) per il discorso dell'estraniamento ti capisco, anch'io a volte sono "coscente" ed è una mia scelta.. ma hai ragione che quando mi capita e perdo il controllo di me stessa è molto strano... La tua ultima frase è semplicemente meravigliosa! Certo che ti invito a vederle sarà ancora più bello condividere rutto questo con qualcun'altro, certo sarà faticoso ma io DEVO farle uscire e ti prometto che saranno stupende! Ti stringo :***

      Elimina
  7. La sensazione di straniamento che descrivi si chiama 'derealizzazione' e ne ho sofferto per tantissimo tempo. Anche ora a volte mi capita ma per fortuna non dura mai più di qualche minuto.
    Invece quand'ero al liceo mi succedeva per giorni interi e alla fine mi sembrava di fare le cose come un automa, ma senza davvero 'partecipare' alla mia vita. Non saprei neanche come descriverlo, ma era davvero un incubo. A volte avrei voluto sbattere la testa contro il muro ripetutamente per 'svegliarmi'! La prima volta che mi capitò, è uno dei ricordi più nitidi della mia vita, avevo quattordici anni ed ero in vacanza con i miei genitori: guardavo una vetrina ed improvvisamente mi sembrò di vedere tutto rallentato, di dovermi imporre di fare le cose più naturali come camminare, parlare, e non riconoscevo la mia voce e i miei pensieri. Pensavo che sarei morta nel giro di pochi giorni perché ero sicura che fosse il sintomo di qualche brutto male e invece dopo dieci anni sono ancora qui!
    Ho sperimentato spesso anche la depersonalizzazione, una sensazione simile ma per la quale ti sembra di vederti dall'esterno, forse è ancora più assurda e fastidiosa.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Euridice! :* ti ringrazio tantissimo per la delucidazione, pensavo veramente di essere pazza! Sono contenta che ora se ti capita ti succede solo per qualche minuto è davvero bruttissimo... ti capisco quando dici di sentirti un automa, è proprio come mi sento io anche se per fortuna non per così tanto tempo, capisco la sensazione di voler svegliarti... e la descrizione della situazione è proprio chiara,sembra anche a me strano fare le cose più naturali e quando per esempio devo parlare con una persona per un attimo credo di essere lucida ma poi è come se non mi rendessi neanche conto di quello che dico, è come se non mi riconoscessi come dici tu... sapevo che potevi capirmi perché nel tuo blog ho letto di questa cosa che ti succedeva prima di ammalarti... e ti capisco anche sulla depersonalizzazione e il vedersi dall'esterno anche se mi capitava più da piccola! Hai ragione è davvero assurdo... Ti mando un bacio e grazie mille del commento <3

      Elimina
  8. Ehi ciao :)
    Ho trovato il tuo blog girando per Blogger e mi sono soffermata a leggerti. Non ho letto tutto, ma abbastanza per capire che siamo sulla stessa barca da un certo punto di vista - ho capito che il mio "voler perdere qualche chiletto" di un anno fa si è trasformato in DCA e ho appena iniziato la mia battaglia - così ho scelto di seguirti ^^
    Per il dolce alla crema, ti batto un cinque a distanza: davvero complimenti. Anche io ce l'ho fatta ieri, ma nel mio caso era un frappè :)
    Sembrano stupidaggini, ma per noi non lo sono. E più che mai dobbiamo farci forza, trarre la forza da questi piccoli traguardi. Perché se "eravamo" (metto le virgolette perché io non riesco a considerarmi ancora fuori dal non mangiare) forti abbastanza da imporre al nostro corpo di non avere fame, allora lo siamo anche per ricominciare a nutrirci come prima... o quasi :)
    Mi piace il concetto del controllo, in effetti è paradossale: crediamo di essere noi a tenere le redini del gioco, quando in realtà siamo poco più che delle pedine.
    Oggi sono di bon umore, si vede, altrimenti sarei quasi a strapparmi i capelli.
    Oh, e sono contenta per la scuola :)
    Un abbraccio,
    Wrong

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che coincidenza! Stavo leggendo il tuo blog ieri sera perché ti avevo vista sul blog di Viellina, ho letto due o tre post e già da subito mi è piaciuto molto il tuo blog a partire dalla grafica che è stupenda! *_* poi stavo crollando dal sonno e non sono riuscita a commentare ma aspettati una mia visita :) ho letto il post del frappè e subito ho pensato che eri stata davvero una grande! E ricambio il tuo batti cinque ;) ed hai proprio ragione sembrano stupidaggini ma non lo sono affatto e sono d'accordo anche sul fatto che se siamo state forti abbastanza per distruggerci lo dovremmo essere anche per salvarci ma perché è cosi difficile? Non scoraggiamoci però perché è possibile :) e l'esempio delle pedine direi che è perfetto!
      Mi ha fatto molto piacere il tuo commento e anche per me è iniziato tutto col voler perdere qualche chilo... E non ce ne rendiamo neanche conto ma poi cadiamo in un tunnel! Dobbiamo farci forza a vicenda noi che sappiamo cosa si prova :) mi sei gia simpatica e ti ringrazio per tutti i complimenti :D appena torno da scuola e sono al pc ti aggiungo ai blog che seguo con molto piacere, già volevo farlo ieri ma stavo crollando! Ahah ^_^" un bacione! :**

      Elimina
  9. Ciao Kiki. Sono contenta di come ti e' andata a scuola. Per quanto riguarda il fisico, per ora ci sono gli alti e bassi ma con l'alimentazione della nutrizionista vedrai che col tempo ti riprenderai del tutto.
    Anch'io sono bilancia dipendente e vorrei davvero provare a pesarmi una volta alla settimana perche' c'e' piu' soddisfazione nel vedere che il numero cambia a distanza di tanto tempo, mentre ce n'e' di meno se sto a pesarmi ogni giorno, infatti spesso mi deprimo perche' il nuemro non cambia.
    Ti sei mangiata un dolce alla crema bene! Continua cosi' e non assecondare la vocina nella testa, sii piu' forte di lei.
    Bellissima la frase che hai scritto "da queste profonde ferite usciranno farfalle libere", me la ripetero' sempre, e' di grande incoraggiamento. Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cassie! :* grazie mille per aver lasciato un tuo commento, più vado avanti in questa avventura e più incontro tante ragazze meravigliose, tutte legate da un filo comune! Ti ringrazio tantissimo per i complimenti sulla scuola, so che mi capisci e tu sarai anche piu stressata di me con la maturità! Per il fisico spero per prima cosa di riavere il ciclo e poi piano piano di avere un rapporto "normale" col cibo anche se sarà dura ma spero che la nutrizionista mi sappia aiutare...
      Hai proprio ragione sulla bilancia! Pesarsi tutti i giorni ci fa solo del male e influisce tantissimo sul nostro umore purtroppo... Ed è molto più soddisfacente pesarai dopo una settimana e vedere i risultati a lungo termine :) anche se spesso poi cadiamo in tentazione! Grazie per il dolce me lo sono proprio gustata in quel momento anche se poi mi sentivo in colpa, ma intanto l'ho mangiato! :) spero di riuscire a scacciare quella vocina un giorno, o almeno di riuscire a non ascoltarla! Sono felicissima che ti piace la frase, l'ho trovata per caso e me ne sono innamorata e sono ancora più felice che tu l'abbia resa tua! :) Un abbraccio forte e un bacio <3 :**

      Elimina